Cosa si studia

Laurea (triennale) in Ingegneria dell’Energia

Il curriculum degli studi fornisce le conoscenze di matematica, di chimica, di fisica, di informatica, di elettrotecnica, di fisica tecnica, di macchine, di impiantistica necessarie alla formazione di base di un professionista capace di operare nell’ambito della produzione, distribuzione e utilizzazione dell’energia nelle sue diverse forme (meccanica, elettrica, termica, chimica), valutandone le interazioni con gli aspetti ambientali, economici e normativi.

I molteplici ambiti di studio e di occupazione sono connessi agli aspetti applicativi dell’energia in termini di economia e consumi, di conversione e utilizzazione nelle macchine e negli impianti industriali e civili (elettrici, meccanici, termici), di impatto ambientale, di generazione e impiego delle energie alternative e rinnovabili.

Gli insegnamenti traggono ampia ispirazione dalle attività di ricerca in ambito elettrico ed energetico svolte nel Dipartimento di Ingegneria Industriale (DII).

La struttura dettagliata del curriculum è descritta nel manifesto degli studi.

Elenco dettagliato degli insegnamenti del Corso di Laurea

 

Per coloro i quali intendano continuare il loro percorso universitario, lo sbocco naturale di questa laurea sono le due lauree magistrali di ingegneria dell’energia elettrica e di ingegneria energetica.

  • Ingegneria dell’Energia Elettrica (si suggerisce di seguire il curriculum Energia Elettrica)
  • Ingegneria Energetica (si suggerisce di seguire il curriculum Termomeccanico).

 

Laurea magistrale in Ingegneria dell’Energia Elettrica

L’Ingegneria dell’Energia Elettrica si occupa di generazione, trasporto, gestione e utilizzazione dell’energia elettrica.

La laurea magistrale in Ingegneria dell’Energia Elettrica permette di acquisire un ampio spettro di conoscenze e competenze multidisciplinari, relative non solo alle tecnologie specifiche più progredite ma anche la visione strategica necessaria ad affrontare con successo le sfide tecnologiche e socio-economiche del futuro. L’energia elettrica avrà ruolo primario nello sviluppo economico e sociale, perché, essendo caratterizzata da elevatissima flessibilità ed ubiquità di utilizzo, è destinata ad avere penetrazione sempre maggiore nei sistemi industriali e sociali.

La laurea magistrale in Ingegneria dell’Energia Elettrica è la naturale prosecuzione della laurea triennale in Ingegneria dell’Energia nelle tematiche dell’energia elettrica.

Gli insegnamenti riguardano le strutture per la produzione, il trasporto e la distribuzione di energia elettrica, come le centrali elettriche, le reti elettriche di potenza e i sistemi elettrici industriali. A quest’ambito appartengono le tecnologie delle alte tensioni, le valutazioni economiche dell’energia elettrica e l’illuminotecnica.

Ampio spazio è dedicato alle macchine che trasformano energia meccanica in elettrica (generatori) e viceversa (motori) e ai convertitori statica (privi di parti in movimento, che eseguono, ad esempio, la conversione dalla corrente alternata alla continua e viceversa). In tale ambito rientrano gli azionamenti elettrici, l’automazione elettrica e i veicoli elettrici ferroviari e stradali.

Ampio spazio è dedicato anche ai dispositivi e sistemi di generazione elettrica innovativi (generatori fotovoltaici, eolici, …), all’accumulo di energia elettrica, all’energia nucleare a fusione, alle applicazioni elettrotermiche industriali e medicali ed alle nanotecnologie elettriche.

Sono infine comprese discipline trasversali quali i controlli automatici, le misure elettriche, i metodi di analisi, sintesi e progettazione all’elaboratore di sistemi e dispositivi elettromagnetici complessi e gli approfondimenti sui rapporti tra tecnologia e società.

Informazioni sugli insegnamenti

 

Laurea magistrale in Ingegneria Energetica

Obiettivo principale del corso di laurea magistrale in Ingegneria energetica è formare un ingegnere capace di operare con funzioni direttive o di ricerca e sviluppo nell’ambito della produzione, distribuzione ed utilizzazione dell’energia nelle sue diverse forme (meccanica, elettrica, termica, chimica), valutandone le interazioni con gli aspetti ambientali, economici e normativi. Il percorso formativo prevede l’approfondimento delle conoscenze teoriche ed applicative relative all’energetica, alla termofluidodinamica, alla trasmissione del calore, ai sistemi di produzione energetica, ai sistemi elettrici per l’energia, all’economia dell’energia, alle misure e strumentazioni industriali, alle energie rinnovabili. Sono previsti, poi, degli esami specifici (tra cui lo studente può scegliere), per la preparazione più specifica di competenti figure professionali rivolte a precisi ambiti di impiego, tutti di grande interesse nell’attuale panorama energetico. Essi approfondiscono, ad esempio, aspetti relativi alle macchine e agli impianti che utilizzano fonti rinnovabili, le conoscenze in tema di impianti combinati, cogenerativi e nucleari (a fusione e a fissione), le applicazioni civili ed industriali, entrando nel dettaglio dell’energetica degli edifici e degli impianti termici e frigoriferi. Durante gli insegnamenti, gli studenti verranno posti davanti a problemi concreti, anche complessi, ai quali verrà chiesto loro, con l’aiuto del docente ed utilizzando diversi strumenti (libri di testo specialistici, avanzati codici di calcolo, informazioni raccolte da svariate fonti), di trovare una soluzione possibile.

Il manifesto degli studi di Ingegneria energetica mette in evidenza le caratteristiche del curriculum di questo corso di laurea magistrale. Saranno approfonditi i settori delle fonti energetiche rinnovabili e non rinnovabili, della combustione, della termofluidodinamica, delle misure, dei controlli, dell’impiantistica energetica (termica, meccanica, elettrica), dei sistemi energetici. Gli esami a scelta consentiranno agli allievi di focalizzare l’interesse su specifici aspetti.

Informazioni sugli insegnamenti